sabato 23 giugno 2018

Spendere il deficit, un esempio dal passato – l’alfiere solidale



Riscoprire il passato, studiare il passato, attualizzare soluzioni del passato per risolvere i problemi di oggi.
Fra il 1950 ed il 1962, in Italia  entrava in scena il piano Ina – Casa, un piano per l’edilizia popolare.
Il governo dell’epoca, ebbe la brillante idea di spendere il Deficit, nella costruzione di case popolari.
Fra il 1950 ed il 1960, nascono 20.000 cantieri, cantieri che diedero lavoro a 40.000 lavoratori edili.
Un terzo degli architetti ed ingegneri attivi all’epoca, furono impegnati i  questo piano di edilizia popolare.
Quel piano non era perfetto, quel piano col tempo rivelava anche delle ombre, in ogni caso fu un tentativo lodevole per dare una risposta alla richiesta di case popolari.
Anche nel 2018 il bisogno di nuove case popolari è più attuale che mai.
(Savino Giacomo Guarino)

P.S.
Se il post ti è piaciuto, diventa lettore fisso del Blog e lascia un commento.  Il tuo supporto è fondamentale per questo Blog!!

9 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Gli attuali Leader dovrebbeo prendere in considerazione una simile impostazione

    RispondiElimina
  3. Mi vengono in mente le vecchie vecchie Case a riscatto

    RispondiElimina
  4. l'Edilizia Popolare, un volano per rilanciare l'economia e rispondere al bisogno di Case per le fasce popolari della popolazione. La vecchia DC ha fatto molte cose buone.

    RispondiElimina
  5. E' vero, è importante imparare dal passato, anche in economia e nel Sociale

    RispondiElimina