venerdì 30 marzo 2018

Pochi controlli tantissime leggi - l'alfiere solidale

un felicissimo Venerdì Santo - l'alfiere solidale



Auguro a tutti coloro che visitano il BLOG, un felicissimo Venerdì 30 marzo 2018.
Grazie per le Vostre visite.

Un metodo efficace per contrastare la RACCOMANDAZIONE - l'alfiere solidale

Conflitto di interessi dei fontanieri, correva l'anno 1800

I funzionari dello Stato pontificio per conto della Presidenza degli Acquedotti romani, si dovevano occupare di 3 acquedotti: Vergine – Paolo – Felice.
La retribuzione annua di detti fontanieri ammontava alla somma di 100 scudi.
I suddetti fontanieri ritenevano detta retribuzione non adeguata.
Al fine di venire loro incontro, si pensò  di integrarlo, affidando agli stessi fontanieri, la manutenzione delle fontane, manutenzione retribuita con un compenso che poteva arrivare a 286 scudi l’anno.
Riassumendo 100 scudi annui + un compenso che poteva arrivare a 286 scudi l’anno.
Inevitabilmente si presentava un potenziale conflitto di interessi: da un lato dovevano mantenere in efficienza le fontane, dall’altro più interventi di manutenzione effettuavano e più avrebbero guadagnato.

un SOCIO veramente speciale

In una piccola cittadina viveva un falegname, un vero artista del legno.
Questo artigiano, parlava spesso da solo, lo faceva con tale convinzione che osservandolo si sarebbe pensato che stesse parlando con una persona in carne ed ossa.
Un suo vecchio amico incuriosito un giorno gli chiese <<Taddeo, toglimi una curiosità, con chi parli sempre, scusa ma io non vedo nessuno!>>.
Taddeo, sorridendo gli rispose: <<Parlo col mio Socio>>.
L’amico chiaramente rimase a bocca aperta ma non volle insistere.
Frequentava la bottega di Taddeo un ragazzino, un giovane apprendista di nome Eugenio che voleva diventare anche lui falegname.
Eugenio, sentendo spesso parlare da solo il suo maestro, trovò il coraggio a due mani e gli domandò <<signore mi scusi ma con chi parla, io non vedo nessuno.>>.
Taddeo, sorridendo gli rispose: <<Parlo col mio Socio>>.
Eugenio non osò  chieder di più.
Taddeo voleva molto bene ad Eugenio e comprendendo la sua curiosità, decise di dargli una risposta più chiara: <<Eugenio il Socio col quale parlo è Gesù!>>.
Eugenio sbalordito, trovò la forza di rispondere <<Gesù?>>.
Riprese Taddeo <<proprio così ma perché ti stupisci?
<<Gesù ha lavorato per molti anni. Faceva il mio mestiere.
Gesù è un Socio in grado di aiutarmi non solo nel mio lavoro.
 guida la mia mano, illumina il mio pensiero e mi sostiene quando sono stanco. Se sono così bravo è  merito del mio Socio>>.
Eugenio a questo punto disse <<maestro, se è così, lo voglio anche io come Socio, cosa debbo fare?>>.
Taddeo, sorridendo gli rispose <<aprigli il tuo cuore, diventa suo amico e chiedigli diventare tuo Socio,  sarà felicissimo di accontentarti>>.
Passarono diversi  anni.
Taddeo lasciò questa terra per ricongiungersi definitivamente col suo Socio.
La sua bottega la rilevò Eugenio, che al suo apprendista amava ripetere <<se vuoi diventare un ottimo falegname prendi Gesù come Socio, avrai un successo garantito>>".
(Anonimo)

Due Cittadini parlano di DERIVATI - l'alfiere solidale

il Primo Cambiamento - l'alfiere solidale

 
Il cambiamento, quello vero e duraturo, è sempre merito dell’affermarsi di una IDEA. 
Un’IDEA che viene sposata dalla maggioranza di un Popolo, a quel punto è iniziato il cambiamento.
Il primo cambiamento avviene sempre nella nostra mente, il resto viene in automatico.
Da come si intende il termine classe politica dirigente, dipende in larga parte il futuro di qualsivoglia Paese.
Il termine  classe politica dirigente può essere inteso in due significati:
1) classe che viene servita dal Popolo;
2) classe al servizio del Popolo.
Il termine dirigere implica un ruolo di servizio e di responsabilità, pochi onori e tanti oneri. Se viceversa si invertono i termini, tanti onori e pochi oneri, la storia cambia e di parecchio.
Il Popolo mantiene una classe dirigente, ergo la classe dirigente politica (comunale, regionale, statale) serve il Popolo, qualora non lo serva a dovere, si deve alzare ed andare a casa.
Il potere del Popolo non si esaurisce con il voto ogni 5 anni, ma dura sempre!!!
Un cittadino che chiede di essere ricevuto da un’autorità comunale, regionale, statale, equivale al datore di lavoro che si reca a parlare con il proprio dipendente.
Questa è l’idea che a mio avviso cambia un Paese: E’ l’onorevole Cittadino l'unico padrone dello Stato.
La qualità di una classe dirigente, si rivela dalla capacità di SERVIRE il Popolo, di assicurare al Popolo benessere, giustizia e qualità della vita.
(Savino Giacomo Guarino)

la Politica è un SERVIZIO, non una professione - l'alfiere solidale

Le 3 questioni centrali, delle comunicazioni di massa - l'alfiere solidale

Le comunicazioni di massa hanno un ruolo importante - l'alfiere solidale

Sono stanco di sentire - l'alfiere solidale

mercoledì 28 marzo 2018

non Dimenticare come si lavora la Terra

<<Dimenticare come si lavora la terra equivale a dimenticare noi stessi>>.
Mahatma GANDHI.

Il vero significato della GUERRA

“Adesso tutti capiscono il vero significato della guerra, che non ha niente a che spartire col patriottismo e così via. Il problema è uno solo: chi vivrà meglio le ricchezze del mondo, le materie prime, i mercati? Chi?”.
(E. Kazan)
 

la saggezza del Gattopardo - l'alfiere solidale



Ho visto più di una volta il film Il Gattopardo
Un film che trovo veramente bello e di grande contenuto culturale.
Dal film, emerge la  saggezza del  Gattopardo: cambiare tutto affinché non cambi nulla. 
E' capitato nel corso della Storia, e capita spesso ad intervalli regolari che certi cambiamenti, sono solo pseudo cambiamenti
Un contentino, contentino che finisce per lasciare le cose come stanno, con buona pace di chi ci crede.
(Savino Giacomo Guarino)

l'Apprendimento dura tutta la vita -l'alfiere solidale

E’ assolto dopo 9 anni di processo: aveva tentato di rubare una melanzana - l'alfiere solidale




Ci sono notizie che fanno comprendere quanto ci sia ancora da cambiare in Italia.

Ci sono notizie che fanno comprendere le peculiarità del nostro sistema giudiziario.

Ci sono notizie che fanno comprendere quanto sia urgente una riforma della nostra Giustizia.

Veniamo alla notizia, un indigente in Puglia, tentava di rubare una melanzanaSi badi bene:una melanzana.

Questo tentativo di furto, si è concretizzato in ben 3 gradi di giudizio, finendo addirittura in Cassazione, Cassazione che ha assolto l’indigente. Questa  vicenda è durata 9 anni.

Come Cittadino \ Contribuente, mi auguro che il nuovo esecutivo metta mano fra l’altro, ad una riforma della Giustizia, al fine di evitare simili situazioni.
(Savino Giacomo Guarino)

i ROMANI mostrare la forza per intimidire - l'alfiere solidale

tecnologia WiMax - l'alfiere solidale

lunedì 26 marzo 2018

il falso AMICO

Siracide 6, 8.
<<C’è chi è amico quando gli conviene, ma non resiste nel giorno della tua disgrazia>>.

CULTURA per la liberazione umana

"Questo è esattamente cultura: la linea avanzata raggiunta nella ricerca della verità ai fini della liberazione umana".
(E Vittorini)

ama l'ARTE

“Ama l’arte; fra tutte le menzogne è ancora quella che mente di meno”.
(G. Flaubert)

un grande pensiero di un grande Uomo

“Come non  vorrei essere uno schiavo, così non vorrei essere un padrone, e questo esprime bene   la mia idea di democrazia. Tutto ciò che ne differisce, in tutti i sensi non può essere democrazia”.
(Abramo Lincoln)
******
Che grande uomo. Che grande spirito. Quest’uomo non può morire, vivrà sempre nel cuore di milioni e milioni di uomini.

sabato 24 marzo 2018

Irrazionalità del capitalismo – l’alfiere solidale



Il capitalismo ha una dose di irrazionalità, irrazionalità che appare in tutta la sua evidenza durante una crisi economica.
La crisi economica si manifesta perché si ferma la accumulazione del capitale: si ferma la crescita continua, necessaria a smaltire la eccedenza di  produzione: il consumismo richiede un continuo flusso di consumi.
Nei tempi di crisi economica, parte del capitale produttivo è inutilizzato, ed al contempo c’è una parte di lavoratori che resta inoperoso o si adatta a lavoretti saltuari: ecco un esempio di irrazionalità.
In periodi di crisi, si registra un abbassamento del tenore di vita, abbassamento che penalizza coloro che già faticano a far quadrare il magro bilancio.
E’ pur vero che durante le crisi economiche, possono manifestarsi opportunità di cambiamento, alternative al sistema dominante.
(Savino Giacomo Guarino)

lo stadio della Verità

"Nessun uomo ha raggiunto lo stadio della verità prima che cento suoi amici lo abbiano dichiarato eretico”.
(Giunajd (X° sec. d.C.) – maestro sufi islamico)

Due vite


Un felicissimo Sabato a tutti coloro che visitano il Blog: grazie per le Vostre visite. Vi lascio un aforsima di Confucio.
                                               ***
<<Si hanno due vite. La seconda comincia il giorno in cui ci si rende conto che non se ne ha che una.>> (Confucio)