giovedì 30 ottobre 2014

Occhi ben aperti




Qohelet (Ecclesiaste) 2,14.
il sapiente ha gli occhi ben aperti in testa, lo stolto invece cammina nelle tenebre”.   

Servono riforme e quanto prima




Risanare l’economia attraverso i tagli?
Una linea che potrebbe rivelarsi utile a precise condizioni:
1) I tagli riguardino i privilegi e gli sprechi.
2) I tagli non colpiscano i servizi essenziali (sanità – sicurezza – istruzione – giustizia,ecc.).
3) Quello che si ricava dai tagli venga utilizzato per rilanciare l’economia e non solo per portare avanti una pressione fiscale eccessiva tale da deprimere i consumi interni e la qualità della vita delle famiglie.
Usando un paragone: Prima gli antibiotici ( tagli a sprechi e privilegi) poi a seguire utilizzare il ricavato dei tagli per rilanciare l’economia (vitamine ai servizi alla popolazione).
Gli antibiotici e le vitamine costano e serve denaro per acquistarle.
L’Italia ha bisogno di urgentissime riforme senza le quali, qualsivoglia rimedio si rivela  una blando placebo.
La povertà, proprio la povertà, cresce sempre di più fra la popolazione.
Le auto che circolano; gli stadi pieni;l’aumento del consumo di Gratta e Vinci; non sono di per sé indice  di benessere.
- Disoccupati giovani e meno giovani.
- Famiglie in difficoltà.
- Pensionati con pensioni non in linea con il reale costo della vita.
Queste categorie di cittadini necessitano di attenzione, ovvero di vitamine  economiche.
Attenzione che deve concretizzarsi in provvedimenti legislativi concreti e tangibili.


Il LOGOS




<<Tutto ciò che è stato detto di vero appartiene a noi cristiani; giacché, oltre Dio, noi adoriamo il logos del Dio ingenito ed ineffabile, il quale si fece uomo per noi, per guarirci delle nostre infermità partecipando di esse>>
(Giustino)

Dopo due mandati elettorali consecutivi: A casa


Pensioni faraoniche e pensioni minime.


Un nuovo balzello sull'automobile.


Andare incontro alla Morosità incolpevole.


mercoledì 22 ottobre 2014

"A leggere i giornali, a sentire la televisione, a interpretare dichiarazioni di uomini  politici, di uomini d'affari, di uomini di cultura non ci si pone più il problema di distinguere il vero dal falso: tutto è falso. Si pone duqnue il problema di vedere come le molteplici manifestazioni della menzogna corrispondano alla realtà,di studiare  i vari modi dell'arte della deformazione, di trovare una tecnica per risalire dalla deformazione alla realtà. D'accordo, questa tecnica c'è già, e non da ieri: da tempo la conoscono gli storici nell'interpretare i documenti; per i diplomatici è arte di ogni giorno; ma oggi si sente che essa deve diventare necessariamente arte di ogni giorno per tutti, giacchè la nostra vita pubblica, sociale si muove nella menzogna, respira la menzogna".
(A. La Penna, Aforismi e autoschediasmi).
***********

Questa tesi mi trova d'accordo in parte. 
La Storia spesso è scritta dai vincitori e non sempre la versione vincente è veritiera. Ad esempio sul Risorgimento, c'è una storiografia molto interessante ma minoritaria che a scuola non viene studiata.
Savino Giacomo Guarino.

Stabilità, attesa lettera della Commissione Ue: 'Chiarimenti su coperture e riforme' - Il Fatto Quotidiano

Stabilità, attesa lettera della Commissione Ue: 'Chiarimenti su coperture e riforme' - Il Fatto Quotidiano

Storia dell'arte contemporanea - Van Gogh

Vincent van Gogh - La vita attraverso le opere

Vincent Van Gogh - Opere

La7 Caravaggio Eredità di un rivoluzionario