domenica 30 dicembre 2018

Senza fede religiosa, una Società decade - l'alfiere solidale

risollevarsi SEMPRE

“La nostra felicità più grande non sta nel non cadere mai, ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta”.
(Confucio)

il Risorgimento, un periodo storico da rivedere.

la Terra è un vasto teatro.

<<La Terra  è un vasto teatro  dove la stessa tragedia si recita sotto nomi diversi.>>
(Voltaire)

Affidarsi all'intuito


“Se ci affidiamo all’intuito siamo come una notte stellata: fissiamo il mondo con migliaia di occhi.”
(Clarissa Pinkola Estés – psicoanalista statunitense)

Come un lampo improvviso


“Finalmente l’altro ieri ci sono riuscito – non per i miei sforzi, ma per la grazia del Signore. Come un lampo improvviso, l’indovinello è stato risolto. Non sono in grado di spiegare qual è stato il filo conduttore che ha connesso quello che già conoscevo con ciò che ha reso possibile il mio successo.”
(Carl Friedrich Gauss  -  1777 \ 1855 – matematico tedesco)

venerdì 28 dicembre 2018

L'auto elettrica - l'alfiere solidale

I maggiori produttori mondiali di automobili, hanno come obiettivo l’auto elettrica.
L’auto elettrica ovvero l’auto del futuro.
L’auto elettrica presenta un problema:la batteria.
Le ricerche relative all’auto elettrica, si sono sviluppate in: Germania, USA, Giappone e Cina.
Tali ricerche hanno dimostrato che alle batterie se al litio si aggiunge il cobalto,  le stesse batterie hanno una maggiore durata.
Di cobalto ad un’auto ne servono almeno 14 kg.
Il cobalto non abbonda sulla terra e questo è un dato da considerare attentamente.
Considerando la richiesta, il prezzo del cobalto, è in forte aumento. Il prezzo del cobalto, è arrivato a 80.000$ a tonnellata.
Il Congo, è ricco di cobalto
Canada ed Australia hanno giacimenti di cobalto.
Da tempo la Cina è uno dei maggiori acquirenti di cobalto.
Il 70% della raffinazione mondiale di cobalto, avviene in Cina.
La Cina ha assunto una posizione dominante nella filiera che riguarda il cobalto.  
Tale posizione dominante, non era lontanamente ipotizzabile 20 anni fa.
(Savino Giacomo Guarino)

il parlare dolce


ascoltando una Musica

<<Ascoltando una musica c.d.primitiva, si  constata la ripetizione di una medesima e breve melodia. In questa musica gli intervalli sono: pochi, brevi, indefiniti e variabili.
Nel canto degli uccelli, si è cercato di scoprire l'origine preumana della musica  umana.>>
(Anonimo)

mercoledì 26 dicembre 2018

Il saggio non contende

“Il saggio non contende e, per questa medesima ragione, nessuno sotto il cielo può contendere con lui”.
(Lao-tzu)

domenica 23 dicembre 2018

Buon Natale 2018 - l'alfiere solidale


Un felicissimo Natale 2018 a tutti i Lettori e Visitatori del Blog.
(gli Autori)

Una felicissima Domenica 23 Dicembre 2018


Una felicissima Domenica 23 Dicembre 2018, a tutti i visitatori del Blog.
Grazie per le Vs.visite e grazie per i Vs. commenti.
(gli Autori)

sul giusto piove Due volte

“Piove sul giusto e piove sull’ingiusto; ma sul giusto piove due volte, perché l’ingiusto gli ruba l’ombrello”.
(Lord Bowen)

L'arte esprime...

 "L'arte esprime ciò che è e cio che ha".
(Plotino)

venerdì 21 dicembre 2018

Il servizio postale nell’Impero Romano – l’alfiere solidale


L’Impero romano è ricordato per le sue guerre e per le sue conquiste, meno per la sua efficiente organizzazione statale.
Un grande impero per durare nei secoli, deve necessariamente dotarsi di un’organizzazione civile efficiente: lavori pubblici, fisco, ecc.
Un settore importantissimo per la vita dell’Impero romano era il servizio postale, un servizio che non ha interessato la ampia cinematografia sull’Impero, un servizio pertanto poco conosciuto dalla maggioranza delle persone.
Nell’Impero romano, il servizio postale era un servizio altamente strategico. Questo servizio era indispensabile per controllare le province romane e per far pervenir loro le disposizioni di Roma.
Senza un efficiente servizio postale, non sarebbero stati possibili: controllo fiscale, economico, amministrativo.
Roma nell’organizzazione del suo servizio postale, si ispirò al servizio postale del Regno Persiano, così riferisce Senofonte (430-354 avanti Cristo), informandoci che fu Ciro II il Grande (590-530 avanti Cristo) ad introdurre nel suo vasto Regno un efficiente servizio postale pubblico, imperniato sull’ipotesi  di percorrenza di un cavallo nell’arco di 24 ore.
I postini romani erano chiamati tabellari, infatti recapitavano tavolette incise, sostituite successivamente da papiri.
Ogni 16 Km. il tabellario trovava un stazione di posta (mutationes) per il cambio dei cavalli.
Le soste per il riposo dei tabellari avvenivano ogni 50 \ 80 Km. nelle mansiones (fermate di sosta nei pressi di importanti città)  dove pernottavano e si rifornivano.
La manutenzione delle strade era fondamentale per il buon funzionamento del servizio postale, non a caso le strade erano militarizzate, ci pensava l’esercito a prendersene cura.
Una efficiente rete stradale era strategica non solo ai fini militari ma anche ai fini economici e commerciali.
Conoscere la nostra storia, conoscere l’Impero romano, significa avere coscienza della nostra bella e gloriosa civiltà, una civiltà entrata nella Storia, una civiltà da conoscere, studiare e tramandare.
(Savino Giacomo Guarino)