mercoledì 30 ottobre 2013

Alla faccia del calcio, quello come dovrebbe essere

AUTOGOL  A LECCE    genitori tifosi (e violenti)
Picchiano un bimbo: <<Non hai passato la palla a nostro figlio>>.
(il Giornale, martedì 29 ottobre 13, pag.16, di Bepi Castellaneta)
                                                  ---------------
Nel rimandare alla lettura dell'articolo, alcune considerazioni.
Quando si critica la politica e si criticano i politici, ci si dovrebbe anche interrogare su alcuni comportamenti sociali.
E' possibile che su dei campetti di calcio dove giocano dei "bambini" si possa giungere a un simile livello?

A proposito della tassazione sulla casa.

Manovra da rifare.
I costruttori demoliscono Letta: la prima casa costerà il 72% in più.
(Libero, pag.12, martedì 29 ottobre 13, di Sandro Iacometti)

La casa sarà tassata fino al 72%
Costruttori sul piede di guerra
Il settore edilizio contro la legge di Stabilità: <<Frena la compravendita di immobili e complica il sistema fiscale, se non cambia arriverà un salasso da dieci miliardi>>
(il Giornale, pag.10, martedì 29 ottobre 13, di Antonio Signorini)
                                      -----------------------
Nel rimandare alla lettura dei due articoli, alcune considerazioni.
La casa, soprattutto la prima casa è una necessità e non certo un lusso. Ripenso sempre a mia nonna materna che viveva in una casa a riscatto. Grazie a quell'edilizia pubblica, dopo un certo numero di anni, mia nonna potè riscattare la sua casa e come lei tanti altri cittadini. Una domanda: Perchè non ripercorrere quella strada?

giovedì 24 ottobre 2013

Il blog ha compiuto 3 anni di vita.

Questo blog ha compiuto tre anni.
Tre anni di impegno di Sara (fondatrice del blog) e mio.
Sono state superate le 84.000 visite, un traguardo raggiunto grazie all'attenzione delle visitatrici e dei visitatori del Blog.
Un grazie di cuore a tutti coloro che ci seguono.
Se Dio vorrà, continueremo a scrivere su questo blog.
Grazie ancora a tutti per averci seguito in questi anni.
SARA -  Savino Giacomo Guarino. 

Solo 14 euro.

A noi solo 14 euro

Il governo regala più utili alle banche
Sgravi fiscali per 1,5 miliardi di euro. I profitti saliranno del 7 e dell'11% nei prossimi due anni.
(Libero, venerdì 18 ottobre 2013, pag.9, Francesco De Dominicis)
                                ---------------------------

Nel rimandare alla lettura dell'articolo, qualche considerazione.
I lavoratori delle banche sono senza contratto.
La riforma del sistema creditizio, della quale ogni tanto si parla, per adesso non pare rientrare fra le priorità.
I lavoratori, si dovranno accontentare di 14 € al mese (182 € l'anno) derivanti dagli sgravi sul cuneo fiscale.
   

martedì 22 ottobre 2013

Borsellino ELETTRONICO


Il pagamento delle mense scolastiche a Torino, da quest'anno deve avvenire mediante "borsellino elettronico". Il vecchio e caro bollettino di conto corrente postale, inspiegabilmente è stato sostituito da questa procedura. Molte famiglie hanno protestato.
Mi auguro che si permetta al vecchio bollettino di continuare ad essere usato, lasciando al cittadino la libertà di scelta.

giovedì 17 ottobre 2013

Finanziamento ai partiti.

Ok della Camera al ddl sul finanziamento  ai partiti.
Favorevoli 288 - Contrari 115 - Astenuti 7.
La Camera dopo 5 votazioni approva e manda al Senato la legge che <<abolisce>> (art.1) i rimborsi elettorali ai partiti, con un meccanismo a scalare fino al 2017.
Il cittadino nella dichiarazione  dei redditi, troverà il 2 X 1000 con il quadratino del partito che decide di finanziare (o meno).
Il tetto per le donazioni dei privati è fissato a 300.000 euro, quello per le aziende a 200.000 euro, con relative detrazioni.
Del tutto libere le donazioni post mortem. 

martedì 15 ottobre 2013

Indietro tutta!



Esisteva una volta la I° Repubblica.
In quella I° REPUBBLICA esisteva uno Stato Sociale.
Nel 1970 vide la luce lo Statuto Dei Lavoratori.
Prima di questo esistevano i "cronometristi", ovvero lavoratori che cronometravano.  Cronometravano la quantità di lavoro dell'operaio. Un qualcosa di semplicemente aberrante.
La mia impressione è che stiamo tornando indietro. Pur di lavorare ci si dovrà adattare a tutto: Anche a farsi "sfruttare" rinunciando magari a quel valore che si chiama "DIGNITA'".  
Ritengo che sia importante prendere coscienza di quanto avviene in Italia.
La differenza fra un suddito ed un CITTADINO è tutta qui.
Il suddito piega sempre la testa, il CITTADINO vuole far sentire chiara e forte la propria voce.
La Costituzione è la forza del Cittadino: Usiamola.

2583 euro al mese.



Venerdì 30 marzo 2012 pubblicavo questo post: Secondo l’EURISPES, un nucleo familiare di 4 persone, necessita di un reddito mensile pari a 2.583 €.

Mi chiedo: Oggi nell’ottobre del 2013, quante famiglie di quattro persone, dispongono di un simile reddito?

Decadenza, Bondi: "Se il Pd insiste su voto palese a rischio governo" - berlusconi silvio, voto, decadenza, giunta - Libero Quotidiano

Decadenza, Bondi: "Se il Pd insiste su voto palese a rischio governo" - berlusconi silvio, voto, decadenza, giunta - Libero Quotidiano

Emergenza anziani non autosufficienti.



IN  SICILIA 
La casa per anziani era un lager:
sedativi  ai malati di Alzheimer
(il Giornale, martedì 15 ottobre 2013, pag. 19)
                -----        ------        ------       ------   -------
Nel rimandare alla lettura dell’articolo, alcune mie considerazioni di carattere generale sul problema.
Le patologie degenerative sono in aumento, aumento dovuto a due fattori:
- Invecchiamento della popolazione.
- Mancanza di terapie efficaci.
L’Alzheimer, il Parkinson,…, colpiscono indiscriminatamente.
I malati sono cittadini di serie A ( come tutti gli altri) hanno diritto alla assistenza ed alle cure disponibili.
La prima cura deve essere un’assistenza amorevole.
In Italia residenze sanitarie pubbliche per queste patologie, sono insufficienti, ne serve un maggior numero.
Troppo spesso le famiglie sono solo ad assistere ai loro cari.
Mi è capitato di conoscere anni fa, il padre di una compagna di scuola di mia figlia.
A 53 anni è stato colpito dall’Alzheimer, era un libero professionista.
I risparmi mangiati dall’assistenza privata, l’assegno di accompagnamento concessogli dopo defatiganti procedure burocratiche, del tutto insufficiente.
Quando la patologia si aggrava, necessità di un’assistenza di 24 ore su 24, provate ad immaginare cosa costa ad una povera famiglia.
Un cittadino che paga le tasse e lavora ha diritto ad un’assistenza in questi casi. La solita solfa i fondi mancano è ormai consumata.
I fondi si trovano, iniziando a tagliare privilegi e sprechi, privilegi e sprechi combattuti spesso a parole ma ben poco nei fatti.
Bisogna diffondere questa sensibilità, verso coloro che senza alcuna colpa si ritrovano “soli” a combattere contro queste orribili patologie.

Dramma ad Avellino.



Dramma ad Avellino
La burocrazia gli chiude il negozio e lui si uccide a 29 anni.
(Libero, martedì 15 ottobre 2013, pag. 23, di Peppe Rinaldi)
----   -----   -----
Una notizia terribile, una notizia di quelle che non vorremmo mai sentire.
Un giovane, voglioso di lavorare e di crearsi una attività cede allo sconforto e si toglie la vita. Purtroppo non è il solo e unico caso in Italia. Di negozianti e imprenditori che si sono suicidati per “tasse” e “burocrazia” ve ne sono stati altri. Se si vogliono evitare questi drammi si deve intervenire con profonde riforme strutturali.
Il lavoro, deve essere aiutato ed agevolato in ogni modo.
E’ giusto tassare a dovere la rendita e la speculazione, è però doveroso semplificare, agevolare, aiutare, tutti quei cittadini che si mettono in gioco per creare ricchezza per loro e per il Paese. I piccoli imprenditori, gli artigiani, sono una risorsa fondamentale del nostro Paese, non possiamo permetterci di perderla.

domenica 13 ottobre 2013

Casta, i parlamentari italiani sono i più pagati d'Europa - casta, parlamento italiano, costi parlamento, stipendio parlamentari, montecitorio, palazzo madama, camera, senato, giovannini - Libero Quotidiano

Casta, i parlamentari italiani sono i più pagati d'Europa - casta, parlamento italiano, costi parlamento, stipendio parlamentari, montecitorio, palazzo madama, camera, senato, giovannini - Libero Quotidiano

Marò, gli errori del governo Monti ci costano 5 milioni di euro - maro', salvatore girone, massimiliano latorre, india, spese legali, emma bonino, farnesina, giulio terzi - Libero Quotidiano

Marò, gli errori del governo Monti ci costano 5 milioni di euro - maro', salvatore girone, massimiliano latorre, india, spese legali, emma bonino, farnesina, giulio terzi - Libero Quotidiano

Legge di stabilità, il governo: in primavera 2014 bonus di 200 euro in busta paga - legge stabilita, bonus busta paga, irpef, lavoratori dipendenti, cuneo fiscale, imprese, service tax, imu - Libero Quotidiano

Legge di stabilità, il governo: in primavera 2014 bonus di 200 euro in busta paga - legge stabilita, bonus busta paga, irpef, lavoratori dipendenti, cuneo fiscale, imprese, service tax, imu - Libero Quotidiano

Basta soldi pubblici ai partiti. Basta!



Finanziamento pubblico
La legge sui soldi ai partiti accelera perché PD e Pdl hanno i conti in rosso
(Libero, sabato 12 ottobre 2013, pag. 8).
----         -----       -----
Nel rimandare alla lettura dell’articolo, una sola domanda: Quando tempo ancora per vedere un finanziamento totalmente privato dei partiti? I partiti si facciano sostenere dagli iscritti, dai simpatizzanti e da coloro che decidano di dare contributi liberali; il tutto chiaramente alla piena luce del sole.
Il referendum del 1993 è stato molto chiaro: No al finanziamento pubblico dei partiti.
Gli attuali rimborsi sono sempre una forma di finanziamento pubblico.

Buona Domenica.

 Buona Domenica
e una
serena settimana.


venerdì 11 ottobre 2013

Pene alternative.



Belpietro salva dalla galera tutti i giornalisti
La corte di Strasburgo dà ragione al direttore di <<Libero>> e i PM si adeguano: vietato arrestare i cronisti.
(Libero, venerdì 11 ottobre2013, pag. 10, di Fosca Bincher).
                                        -----   ------   -------
Nel rimandare alla lettura dell’articolo, sono sempre più convinto di una tesi: La prigione deve essere l’estrema ratio e per i reati veramente gravi. In tutti gli altri casi è preferibile utilizzare le misure alternative al carcere: Lavori socialmente utili, affidamento ai servizi sociali,ecc.

Prigioni ai privati?



Il piano Lombardia: prigioni affidate ai privati
(Il Giornale, venerdì 11 ottobre 2013, pag. 8, di  Giannino della Frattina)
---------  -----------  ------------
Nel rimandare alla lettura dell’articolo, mi pare che questa proposta sia la classica espressione di derivazione “liberista”: Privatizzare tutto il privatizzabile. Personalmente ritengo che le carceri debbano restare statali. Le privatizzazioni, almeno in Italia, finora non hanno dato grandi risultati.

freeskipper: La Mela di AISM, aiuta a vincere la sclerosi multi...

freeskipper: La Mela di AISM, aiuta a vincere la sclerosi multi...: Il 12 e il 13 ottobre 2013 i volontari dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla saranno presenti in tremila piazze italiane per distr...

M5S, incontro degli eletti dopo la polemica con Grillo: “Presto chiarimento con lui” - Il Fatto Quotidiano

M5S, incontro degli eletti dopo la polemica con Grillo: “Presto chiarimento con lui” - Il Fatto Quotidiano

Non condivido le critiche al Presidente Napolitano



Il Presidente Napolitano recentemente è stato oggetto di diverse critiche, l’ultima  per una sua opinione sui “grillini”.
Vorrei dire il perché io sono dalla parte del Presidente Napolitano.
- Napolitano è rimasto al suo posto perché gli è stato chiesto da più parti politiche.
- Napolitano ha accettato perché l’alternativa sarebbe stata una diatriba senza fine,
  visto che non ci si riusciva a metter d’accordo per la scelta di un suo successore.   
C’è da chiedersi non era possibile trovare un’intesa per la scelta di un successore?
Era così difficile individuare una personalità da proporre per il Quirinale?
Il problema semmai potrebbe essere un altro: Non sarebbe opportuno valutare una modifica costituzionale che permetta ai cittadini di eleggere direttamente il Presidente della Repubblica?
Napolitano, non ha colpa alcuna per la litigiosità e la faziosità che permea una parte della politica (non mi permetto di generalizzare).
Il bene del Paese, imporrebbe in certi momenti, di cercare la concordia e l’unità, mettendo da parte beghe e baruffe.
Il problema non è Napolitano, il problema è che un Governo di scopo che doveva durare in carica pochi mesi, non ha ancora dato al Paese una nuova legge elettorale, che il Paese reclamava.
Il problema non è Napolitano, il problema è che siamo andati a votare con quel sistema elettorale chiamato Porcellum che ha privato l’elettore di una sua fondamentale prerogativa: Scegliersi il proprio rappresentante.
I problemi in Italia sono tanti ed alcuni endemici.
L’attuale Presidente, ha dimostrato fermezza e senso di responsabilità, e di questo bisognerebbe essergliene grati.
     



Sono favorevole all'indulto.



Preliminarmente per inquadrare bene l’argomento, mi permetto di consigliare la visione di un vecchio film interpretato magistralmente da Alberto SORDI, Detenuto in attesa di giudizio. E’ un film che nel 2013 è ancora di piena attualità. 
Detto questo è da precisare, ve n’è sempre bisogno, il significato di due termini indulto ed amnistia.
Indulto = condono della pena da scontare.
Amnistia = non estingue l’azione penale ma si riferisce solo ad una pena già inflitta.
Nelle carceri italiane, la maggior parte dei detenuti sono dei poveri diavoli.
Nelle carceri italiane, pochissimi detenuti appartengono ai c.d. colletti bianchi.
Nelle carceri italiane, il numero dei detenuti laureati e ben poca cosa.
Questi dati sono verificabili da chiunque e con facilità.
Qualcuno obietta Cosa è stato risolto dopo l’ultima amnistia? Nulla! Non è stato fatto nulla!”
Certo, ma questo non è colpa dell’istituto dell’amnistia, ma della inerzia politica, delle varie maggioranze succedutesi. Maggioranze che non sono state in grado di varare una riforma della giustizia, compresa la questione carceraria in generale.
Chi dispone di un ottimo avvocato ed è in grado di pagarsi i 3 gradi di giudizio, ha alte probabilità, di non finire in carcere; nell’ipotesi peggiore di essere condannato a una pena più lieve.
Se invece sei un poveraccio, e non sei in grado di pagarti i tre gradi di giudizio, hai maggiori possibilità di finire in galera.
Sentivo spesso una trasmissione radiofonica RADIO CARCERE, trasmessa da Radio Radicale: Quante penose storie umane di sofferenza.
In Italia  in galera ci sono persone in “attesa di giudizio”, ovvero presunti non colpevoli, senza una condanna definitiva che  in attesa sono in galera. Non di rado accade che queste persone risultino poi innocenti, intanto si sono fatti dei periodi della loro vita in galera.
In Italia, le fattispecie penalmente rilevanti, sono moltissime.
Il detenuto deve scontare una pena, non deve venire privato dei diritti costituzionali, in primis il diritto alla salute.
La certezza della pena è cosa giusta: Ma una pena  non rieducativa è in conflitto con la Costituzione.
A furia di vedere la questione Berlusconi dappertutto, si rischia di perdere di vista la questione carceraria nel suo complesso.
La domanda “Secondo voi è più urgente migliorare le condizioni di vita dei delinquenti che quelle della gente onesta?” è una domanda molto superficiale.
I delinquenti che sono in galera, stanno scontando la pena.
Il problema del quale bisognerebbe parlare, riguarda i reati commessi dai “colletti bianchi”, reati a volte gravissimi che spesso non si possono perseguire per varie ragioni: La prima, conoscono benissimo le leggi, la seconda possono pagarsi i principi del Foro e i tre gradi di giudizio.
Molti c.d. “delinquenti” non sono abituali, lo diventano spesso perché in carcere non vengono RIEDUCATI, come prevede la Costituzione.
Molti c.d. “delinquenti” hanno alle spalle famiglie e storie disastrose.
Una cosa è certa: L’attuazione piena della Costituzione e in particolare dell’art.3 aiuterebbe a risolvere molti dei problemi dell’Italia.
In conclusione sono favorevole all’indulto ed all’amnistia.

mercoledì 9 ottobre 2013

Bardo-Lusevera-news: Nell'Alta Val Torre sono usciti i chiodini/jesen ...

Bardo-Lusevera-news: Nell'Alta Val Torre sono usciti i chiodini/jesen ...: Funghi mangerecci Chiodini o Famigliola buona (Armillaria mellea) Armillaria mellea  è un fungo parassita di piante arboree, in cui prov...

Il lago di Garda soffocato dalla plastica | Effetto Terra

Il lago di Garda soffocato dalla plastica | Effetto Terra

Telecom, Moody’s declassa rating: “Spazzatura”. L’azienda: “Siamo solidi” - Il Fatto Quotidiano

Telecom, Moody’s declassa rating: “Spazzatura”. L’azienda: “Siamo solidi” - Il Fatto Quotidiano

LADRI D'ITALIA: Report : Decreto del fare: burocrazia 07/10/2013

LADRI D'ITALIA: Report : Decreto del fare: burocrazia 07/10/2013: Ieri sera, lunedì 7 ottobre 2013, è andata in onda la seconda puntata stagionale di Report. La trasmissione d’inchiesta di Rai Tre h...

A proposito di RAI



La regalopoli
“Rai, spesi 600 mila euro soltanto in una gioielleria”.
(Libero, mercoledì 9 ottobre 2013, pag.1,  di Giacomo Amadori).
----    ---- -----
Nel rimandare alla lettura dell’articolo, come cittadino contribuente che paga regolarmente il canone televisivo, resto sconcertato di fronte a tali notizie. 
Mi auguro che chi ha la autorità, provveda a fare la massima chiarezza sull’intera questione. 

              

sabato 5 ottobre 2013

Stipendi parlamentari, Grasso: "La paga giusta è di 5-7 mila euro" - pietro, grasso, stipendio, parlamentare - Libero Quotidiano

Stipendi parlamentari, Grasso: "La paga giusta è di 5-7 mila euro" - pietro, grasso, stipendio, parlamentare - Libero Quotidiano

Buona Domenica



 Buona  Domenica
e
una serena Settimana.

 

“Truccavano concorsi”. Denunciati cinque ‘saggi’ scelti da Letta per la Costituzione - Il Fatto Quotidiano

“Truccavano concorsi”. Denunciati cinque ‘saggi’ scelti da Letta per la Costituzione - Il Fatto Quotidiano

L'Italia al caldo: avremo un'agricoltura tropicale?

L'Italia al caldo: avremo un'agricoltura tropicale?

LADRI D'ITALIA: Malta: l’isola felice della crisi europea

LADRI D'ITALIA: Malta: l’isola felice della crisi europea: di Maghdi Abo Abia Reportage: viaggio nell'arcipelago la cui economia secondo il Fondo Monetario Internazionale è stata la mi...

giovedì 3 ottobre 2013

Copiare alla maturità: Si può.

Copiare alla maturità si può
Basta essere studenti modello
In Campania sospesa una ragazza che cercava le risposte sul telefonino. Ma il Consiglio di Stato le dà ragione:ha sempre preso dei bei voti. (Libero, giovedì 3 ottobre 2013, pag.18, di Alessandro dell'Orto).
                                                       ________________________________

Le sentenze vanno accettate con il massimo rispetto, sempre con il massimo rispetto, questa sentenza mi lascia molto, ma molto, ma molto perplesso.
                                  

 

Quanto durerà?

LE SCOMMESSE SULLA CRISI A PALAZZO CHIGI 
ma per i bookmakers il premier durerà solo altri 6 mesi (il Giornale, giovedi 3 ottobre 2013, pag.9).
                                                                   ---------    ----------------   ---------------
La sfera di cristallo nessuno la possiede, come cittadino mi auguro che indipendentemente dalla sua durata, questo Esecutivo, vari quanto prima una nuova legge elettorale. Ci sarebbe anche da varare una legge sul Mobbing (vedere delibera del Consiglio D'Europa del 2000) ma per i miracoli, occorre molto più tempo.

Referendum in IRLANDA



Il 4 ottobre i cittadini irlandesi votano sull'abolizione della camera alta del Parlamento. 

Come cittadino mi accontenterei di molto meno: La riduzione del numero dei parlamentari in Italia. Questa riduzione sarebbe un segno tangibile di una autentica volontà di cambiamento.

Studenti si creano un lavoro nell�agroalimentare mentre studiano e incassano il primo assegno

Studenti si creano un lavoro nell�agroalimentare mentre studiano e incassano il primo assegno

Api anti smog a Praga

Api anti smog a Praga

E t i m o l o g i a



La   e t i m o l o g i a studia l’origine della parole.
E’ una scienza che non ammette imprecisioni.
Sottovalutare la forza delle parole, scordarsene le origini può generare una molteplicità di problemi. 
Si può esprimere uno stesso concetto, utilizzando vocaboli diversi.
E’ proprio attraverso la scelta e l’utilizzo dei vocaboli che darò forza o debolezza ad una opinione.
Le parole feriscono.
Le parole leniscono.
Le parole consolano.
Le parole umiliano.
Chiunque scrive o parla alla gente, dovrebbe sempre tenerlo presente.
La forza di una idea non necessità di volgarità o violenza verbale.
In questi giorni sento spesso un linguaggio che non condivido e lo sentono anche tanti giovani.
In una società attanagliata da una crisi economica e non solo, dove la violenza spesso è oggetto di notizia, bisogna fare attenzione alla “violenza verbale”.
Il passaggio dalla violenza verbale a quella fisica a volte è breve.
Quante risse e liti, anche finite in tragedia per una parola di troppo.
Vorrei concludere con un pensiero tratto dall’Enciclica Populorum Progressio di Paolo VI° :  
31 “E tuttavia lo sappiamo:l’insurrezione rivoluzionaria – salvo nel caso di una tirannia evidente e prolungata che attenti gravemente ai diritti fondamentali della persona e nuoccia in modo pericoloso al bene comune del paese – è fonte di nuove ingiustizie, introduce nuovi squilibri, e provoca  nuove rovine. Non si può combattere un male reale a prezzo di un male più grande.”
                                                  __________________

Ecco un esempio di uso perfetto delle parole e di uno scrivere armonioso. Leggendo questa e  altre encicliche mi rendo conto di quanto abbia ancora da imparare.


La saggezza della folla




Jim  Surowiecki, giornalista del New Yorker, ha scritto  La saggezza della folla. 
 Questo autore, ritiene che in futuro sarà la saggezza della folla a fare la differenza. Dall’unione di più intelligenze; dalla integrazione di diversi punti di vista; dall’incontro delle diverse idee; si creerà un maggior valore. Maggior valore di quanto potrebbe scaturire dalla mente di un genio.
Penso sempre alla Parabola dei Talenti del Vangelo. Tutti ma proprio tutti hanno dei talenti, nessuno escluso, questo è il punto di forza di ognuno di noi. Unendo tanti punti di forza, quante conquiste possiamo fare.

Nuovi Protagonisti.



Qualche tempo fa, facendo zapping, capitavo su un canale che parlava di Internet e della capacità della rete di documentare in tempo reale tutto quello che accade nel mondo. Parlava dei cambiamenti climatici, e di coloro che si sono mobilitati per sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica sul tema. Emergeva anche un altro fenomeno: Le ricadute su politica e partiti, provocate dalle nuove possibilità offerte da Internet a chiunque voglia parlare e soprattutto abbia qualcosa da dire.
Oggi non esistono più solo i partiti e i leader di partito.
Oggi sono presenti tanti blog e relativi blogger che trattano i temi più disparati, compresa la politica.
Ignorare questa realtà o emarginarla a mio avviso è solo una battaglia di retroguardia, destinata alla sconfitta.
Viviamo un’epoca per molti versi unica: Per la prima volta un qualsiasi cittadino ha la possibilità di parlare, di fare politica, facendo conoscere le proprie idee ed intervenendo nel dibattito generale. Mi auguro che sempre più aumenti la schiera di persone che partecipano a questo dibattito. La democrazia digitale, la partecipazione diretta è la miglior garanzia per un rafforzamento della democrazia e per una sempre maggior presa di coscienza dei problemi da parte dei cittadini.
Il monopolio dei partiti, movimenti e leader è al tramonto e questo grazie alle opportunità offerte dalla rete.
Savino Giacomo Guarino.


Che barba, che noia.



Sarà una mia impressione?
Sarà una mia fissazione?
Da qualche, tempo in Italia,  pochissime questioni monopolizzano l’attenzione della quasi totalità dei mezzi di informazione:
1) Le vicende giudiziarie del cavaliere; cavaliere che sostiene di essere perseguitato dai magistrati.
2) Il Movimento 5 Stelle e le esternazioni o se si preferisce, lamentazioni del suo indiscusso leader.
3) La stabilità del Governo.
Non è mia intenzione entrare nel merito delle relative vicende, sono un semplice signor nessuno e non sono abituato a tranciar giudizi o a fare sparate, sparate che in questo periodo vanno molto di moda.
Mi limiterò da semplice signor nessuno (nonché blogger) a porre delle domande:
Perché non focalizzare l’attenzione sul problema di tutti quei giovani che non riescono a trovare un lavoro e non riescono  a costruirsi un futuro?
Perché non focalizzare l’attenzione sul problema delle ragazze madri sole che ogni giorno col loro bambino  devono lambiccarsi il cervello per tirare avanti?
Perché non focalizzare l’attenzione sul problema delle persone malate con redditi minimi che devono scegliere fra curarsi o mangiare?
che intentano una causa di lavoro, si vedono respingere il ricorso e devono pagarsi spese di soccombenza pesantissime?
Perché non focalizzare l’attenzione sul problema dei  mobbizzati  italiani, in forte aumento, che si vedono la vita rovinata e non hanno una legge che li difenda?
Perché non focalizzare l’attenzione sul problema dei detenuti in attesa di giudizio?
Perché non focalizzare l’attenzione sul problema delle donne e dei bambini maltrattati che vivono dei veri e propri inferni?
Perché non focalizzare l’attenzione sul problema delle persone, sempre più numerose che ogni giorno affollano le mense dei poveri ed i dormitori pubblici?
Dopo un po’ - sentire sempre la stessa solfa e sempre la stessa minestra – stanca, stufa ed  annoia.
L’Italia è una realtà formata da 60 milioni di persone, parlare e riparlare sempre di pochissimi, mi sembra francamente: Monotono, noioso, pesante.
Savino Giacomo Guarino.


Grandi maestri.



Ogni volta che leggo qualche grande autore (Manzoni – S.Teresa D’avila,..), mi sento l’ultimo degli allievi, seduto all’ultimo banco che si sforza di afferrare e comprendere il nettare, l’essenza che il maestro cerca di trasmettermi.
Il maestro è però paziente e mi parla con semplicità, perché dall’alto della sua erudizione, rivestita di umiltà e carità, conosce i miei limiti.
Non mi fa pesare la sua superiorità, ma vuole aiutarmi a entrare nella sua mente e nel suo cuore.
Quando leggo, lo scritto di un maestro, mi vengono in mente le parole di un mio insegnate di tanti anni fa: “Savino siamo dei piccoletti che solo arrampicandoci sulle spalle di un gigante, possiamo diventare più alti e vedere lontano, l’importante è che ci ricordiamo che è il gigante a sostenerci.”

Un vivere dignitoso.



Giovanni XXIII° - Pacem In Terris. – Il diritto all’esistenza e ad un tenore di vita dignitoso
Ogni essere umano ha il diritto all’esistenza, all’integrità fisica, ai mezzi indispensabili e sufficienti per un dignitoso tenore di vita, specialmente per quanto riguarda l’alimentazione, il vestiario, l’abitazione, il riposo, le cure mediche, i servizi sociali necessari; ed ha quindi il diritto alla sicurezza in caso di malattia, di invalidità, di vedovanza, di vecchiaia, di disoccupazione, e in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà.

martedì 1 ottobre 2013

Grazie Presidentessa Boldrini.



Desidero ringraziare pubblicamente la Presidentessa della Camera dei Deputati, per aver  risposto in tempi brevi ad una mia lettera.
Nella mia lettera, parlavo degli Approfondimenti ministeriali, relativi alla cessione dell’operativo Tesoreria Enti Pubblici: La banca\tesoriere del Comune di Torino esternalizzava l’operativo del servizio ad una società di servizi.
Detta cessione avveniva nel 2004: Ad oggi non sono riuscito a visionare detti Approfondimenti ministeriali.
Ho scritto a parlamentari e a diverse Autorità varie.
Ad oggi l’unica che mi ha risposto è la Presidentessa della Camera.
Rispondere a un anonimo cittadino come lo scrivente, è un gesto che parla da solo.
Grazie ancora Presidentessa Boldrini.

Savino Giacomo GUARINO.

Crisi di governo: le missioni militari italiane all’estero da oggi sono illegali - Il Fatto Quotidiano

Crisi di governo: le missioni militari italiane all’estero da oggi sono illegali - Il Fatto Quotidiano

Mettere un tetto o alzare l'aliquota d'imposta?



Bancari contro i 7 milioni di Cucchiani   
La maxi – buonuscita fa raddoppiare  il <cachet> intascato in 21 mesi dall’ex ad di Intesa. In più resterà in banca altri sei mesi per arrivare alla pensione. I sindacati < in tempi di tagli è una vergogna intollerabile>. Da Libero Mercato, martedì 1°ottobre 2013, pag.25, di Francesco De  Dominicis.
                                       ----------   ----------------    ---------------

Nel rimandare alla lettura dell’articolo, mi pongo alcune domande.
In questo momento i 315.000  bancari italiani sono senza contratto.
Il settore bancario è interessato da esuberi ed esternalizzazioni. 
In un momento simile non si potrebbe mettere un limite a certe buonuscita?
A mio avviso la politica dovrebbe intervenire. Fintanto che in Italia non si metteranno dei tetti e dei limiti a certe buonuscita, il problema continuerà ad esistere.
E’ pur vero che stiamo parlando di soldi privati e non pubblici, è altrettanto vero che si potrebbe però intervenire a livello di aliquote fiscali: In casi come questo, la progressività di imposta, dovrebbe essere decisamente più elevata dell’attuale.
Chi guadagna moltissimo deve pagare moltissimo.
Qualcuno amava ripetere: Giustizia fiscale = Giustizia sociale.