martedì 30 luglio 2019

GUARINO l'alfiere solidale, augura una radiosa giornata

Il pericolo degli Armamenti - l'alfiere solidale

<<O l'umanità distruggerà gli armamenti, o gli armamenti distruggeranno l'umanità>>.
(Carlo Cassola - scritto e saggista italiano - 1917 \ 1987)
 
                                 **** 
 
Se una piccola percentuale, di quanto si spende per armamenti a livello mondiale, venisse destinato alle popolazioni povere del pianeta, la qualità della vita di queste popolazioni, farebbe un salto di qualità enorme: Fame, siccità, povertà miseria, sarebbero sconfitte.
Le guerre portano con loro sempre ed inevitabilmente:
Vedove, orfani, mutilati, invalidi, ecc. 
La Pace è sempre il miglior affare possibile.
(Savino  Giacomo  Guarino)
 
 
P.S.
Se il  post ti è piaciuto, diventa lettore fisso del Blog e lascia un commento. Il tuo supporto è fondamentale per questo Blog. Grazie della visita  e  una Felice Giornata.

Prestare soldi ad un Paese - l'alfiere solidale


Prestare soldi ad un Paese, è una prassi datata. 
Prestare soldi ad un Paese, elimina il rischio della scomparsa del debitore.
Un Paese non può sparire è sempre raggiungibile. 
(Savino  Giacomo  Guarino)
 
 
P.S.
Se il  post ti è piaciuto, diventa lettore fisso del Blog e lascia un commento. Il tuo supporto è fondamentale per questo Blog. Grazie della visita  e  una Felice Giornata.

Achuar \ Pellerossa

Gli Achuar, stanziati  in  Amazzonia vicino   al  fiume  Kapawi, al  confine  fra Equador  e Perù,  sono giustamente convinti che sarebbe controproducente, uccidere  scimmie più del necessario  al loro sostentamento.
La stessa convinzione, avevano i Pellerossa riguardo ai bisonti, poi sterminati dall’uomo bianco.
Questi popoli, avevano compreso l’importanza della salvaguardia delle biodiversità e dell’equilibrio in natura.
Se si rompe questo equilibrio, madre natura si ribella, e come se si ribella.



P.S.
Se il  post ti è piaciuto, diventa lettore fisso del Blog e lascia un commento. Il tuo supporto è fondamentale per questo Blog. Grazie della visita  e  una Felice Giornata.

il Giusto resta saldo in eterno


domenica 28 luglio 2019

il Conflitto d'interessi nella Storia - l'alfiere solidale


Nel 1208,  la vita degli amministratori pubblici della Val d’Ambra, era decisamente impegnativa.  
La loro vita pubblica  era governate da rigide regole.
Un esempio: una  giornata rubata agli  interessi della collettività,  implicava a loro carico una pesante multa, due denari di Pisa.
Relativamente al podestà (l’odierno sindaco) affinché  non incorresse in un conflitto d’interessi,  gli era vietato  di ricevere  regalie per l’intera durata del mandato (un solo anno).
Queste sagge e giuste regole, miravano ad operare una netta separazione fra interessi pubblici e interessi privati.
Esse erano merito del visconte Guido Guerra III°.
Dette regole venivano inserite  in uno Statuto ufficiale del 1208.
(Savino  Giacomo  Guarino) 
 
 
P.S.
Se il  video   ti è piaciuto, diventa lettore fisso del Blog e lascia un commento. Il tuo supporto è fondamentale per questo Blog. Grazie della visita  e  una Felice Giornata.

3 ALFIERE SOLIDALE

     



Il tema  affrontato è il Mobbing.

il grande DEMOCRITO - l'alfiere solidale

Socrate è un filosofo di grande fama, suo contemporaneo Democrito filosofo e scienziato, gode di minor fama, eppure il suo contributo allo sviluppo della scienza è stato sicuramente importantissimo.
Democrito scopriva 400 anni prima della nascita di Gesù Cristo, che la materia è formata dal vuoto e da atomi in continuo movimento.  
Democrito arrivò  alle sue conclusioni, con un'osservazione attenta: L'acqua e il vino quando si mescolano.
All'epoca di Democrito il vino era conservato in forma di pasta. Sciogliendo questa pasta nell'acqua, l'acqua mutava di colore, diventando rossa poco alla volta.
Pensò quindi Democrito che lo scioglimento del vino nell'acqua, era dovuto al fatto che il vino fosse formato da minuscole particelle che distaccatesi  dalla pasta, si dividevano penetrando nell'acqua, colorandola di rosso. 
Anche l'acqua, pensò Democrito doveva essere formata come il vino.
La mescolanza di acqua e vino era dovuta, era dovuta secondo Democrito, al continuo  movimento di tali particelle.
Democrito, era giunto alla stupefacente conclusione che le minuscole particelle che denominò atomi, oltre ad essere indistruttibili, sono i costituenti ultimi di ogni cosa. 
Sempre secondo Democrito ogni atomo corrisponde a una sostanza diversa, con diverse proprietà. Questi atomi, si spostano nello spazio con movimenti imprevedibili e disordinati.
Tutte le intuizioni di questo genio sono state confermata dalla scienza. La materia è piena di vuoto, la sua essenza è il movimento.
Dopo Democrito per 2.000 anni le sue teorie sono rimaste in soffitta. 


P.S.
Se il post  ti è piaciuto, diventa lettore fisso  del Blog  e lascia un commento. Il tuo supporto è fondamentale per questo Blog. Grazie della visita, una felice domenica.