giovedì 30 aprile 2020

Due Cittadini parlano di DERIVATI - l'alfiere solidale

Le strade dell’Impero romano – l’alfiere solidale

I Romani  diedero, al contrario dei Greci, grande importanza a tre settori: Strade, cloache, acquedotti. Tre settori di grande importanza per un impero.
Le strade costruite dai Romani si riassumono in un numero: 200.000 Km. di lastricato.
Ogni strada era larga 5 metri per permettere a due carri di affiancarsi.
I Romani per misurare la lunghezza delle strade utilizzavano uno strumento, l’odometro, un piccolo strumento che si metteva ad un asse del carro; lo strumento era formato da una serie di ingranaggi dentati. Di questo marchingegno ne hanno parlato: Vitruvio ed Erone alessandrino.
Le strade romane si suddividevano in: galeratum (acciottolato), scavate nel tufo, basolato romano (le più resistenti), Viae (strade extraurbane), Strata (quelle interne ad un centro abitato.
La difesa militare dell’Impero, dipendeva in gran parte dalle strade, era l’esercito ad avere giurisdizione su di esse.
Le strade erano indispensabili: allo spostamento delle legioni,  alle poste imperiali, ai carri con le vettovaglie.
Strade non efficienti avrebbero significato: lenti spostamenti delle truppe, assi e ruote dei carri che si spezzavano, messaggi non recapitati per tempo.
Una componente importante delle strade romane era la pietra miliare (miliarum).
La pietra miliare, consisteva in una colonna circolare su una base rettangolare, infissa nel terreno alta 1,50 mt, con 50 cm. di diametro, sulla sua base era inciso il numero di miglio della strada e più in  alto la distanza dal Foro di Roma.
Nel 20 a.C. Augusto in qualità di Commissario  permanente alle strade, pose il Miliarum Aureum (pietra miliare aurea) nel Foro di Roma. Questa  pietra miliare aurea, era una colonna di bronzo dorato e da questa idealmente partivano tutte le strade; vi veniva riporto l’elenco delle più importanti città dell’Impero e le relative distanze da Roma.   
Nel 44  a.C.  Giulio Cesare  ordinava la predisposizione di un itinerario generale che comprendesse tutte le strade dell’impero. Questa opera richiese ben 25 anni di lavoro, concretizzatosi in un itinerario scolpito nella pietra, collocato nei pressi del Pantheon. Chiunque poteva liberamente copiarne le parti che ritenesse utili.
Nel mondo antico non si conosce una iniziativa analoga.

La storia dell'evoluzione...


“La storia dell’evoluzione insegna che l’universo non ha mai smesso di essere creativo o inventivo”..
(Karl Popper – filosofo austriaco – 1902 \1994)

domenica 19 aprile 2020

Conoscere se stessi


Aiutare a scoprire...


La mente umana...

aumentare le Telecamere per controllare il territorio - l'alfiere solidale

L'installazione di molte telecamere, soprattutto nelle zone più calde di una città, è un importante strumento di prevenzione della criminalità.
In molti Paesi le telecamere, collegate con le Forze dell'Ordine, sono da tempo ampiamente utilizzate.
Le telecamere sono un prezioso alleato per aiutare le Forze dell'Ordine,  nello svolgimento del loro insostituibile compito.

giovedì 16 aprile 2020

I gusti e gli affari


“I  gusti  mutano, mutano di conseguenza anche gli affari.
Nel complicato mondo degli affari, un mondo in perenne movimento, qualsiasi strategia non è mai definitiva.”
(Anonimo)

la M O N O T O N I A

C’è poco da lagnarsi della monotonia delle abitudini, delle ripetizioni in cui la vita umana consiste.
Aristotele diceva che  l’abitudine è una seconda natura, perché fa ripetere con uniformità gli atti, rendendoli più spediti e meno faticosi.”