mercoledì 31 ottobre 2018

i FIORI:dicono buon giorno

   



A tutti i Follower una felice giornata.
A tutti i visitatori del Blog, una felice giornata.
Grazie per le Vs. visite e grazie per i Vs. commenti

La grande importanza dell’Opinione Pubblica – l’alfiere solidale


A Torino ed a Roma alcuni giorni fa, numerosi Cittadini sono scesi in piazza per far sentire la loro voce.
A Torino a favore della TAV, a Roma in dissenso con la politica dell’attuale Giunta Raggi.
Queste due manifestazioni, sono molto importanti perché stanno a dimostrare la vitalità e la capacita di mobilitazione spontanea della Cittadinanza.
Recarsi a votare è importante, lo è altrettanto monitorare  di continuo, l’operato di coloro che abbiamo votato e che ci rappresentano nella varie istituzioni (Comune, Regione, Parlamento).
L’Opinione Pubblica è un vero e proprio contrappeso al potere.
Un contrappeso trasversale in grado di raccogliere diversi colori, il collante che li raccoglie è un problema o più problemi che la gente sente particolarmente importanti.
L’attenzione dell’Opinione Pubblica, la sua capacità di mobilitazione, sono strumenti fondamentali per il buon funzionamento dell’intero sistema.
L’onorevole Cittadino, quello che paga le imposte e che tiene sulle sue spalle il sistema, ha tutto il diritto \ dovere di farsi sentire.
E’ da questa sua voglia di farsi sentire che nasce il vero cambiamento.
Tutti i grandi cambiamenti, i cambiamenti che ci ha tramandato la Storia, nascono dal basso, dalla base della piramide, quella base che tiene in piedi l’intero sistema.
E’il Cittadino il padrone del sistema, ed il sistema ha sempre il dovere di fare gli interessi dei Cittadini e solamente quelli.
(Savino  Giacomo Guarino)













lunedì 29 ottobre 2018

Fare qualcosa di meraviglioso - l'alfiere solidale

“Diventare l’uomo più ricco del cimitero non ha importanza per me. Quello che conta sul serio è poter dire tutte le sere di avere fatto qualcosa di meraviglioso.”
(Steve Jobs)
                                                                             ****
 
Il presente, è  il cuore della nostra esistenza. 
Il presente, è quello che veramente determina la nostra vita, le nostre scelte, le nostre realizzazioni.
Rimuginare sul passato e sperare in un futuro, non ha senso, quello che veramente ha senso è costruire qualcosa di positivo ogni santo giorno che Dio ci concede.
Nessuno è certo di arrivare al giorno dopo, ogni giorno potrebbe essere il nostro ultimo giorno.
Ecco perché ogni giorno, è il mattone dell’edificio che ci accingiamo a costruire.
Ogni giorno fare qualcosa di buono per gli  altri:moglie, figli, amici, conoscenti, è fare qualcosa di buono anche per noi.
Il meraviglioso non è altro che aiutare chi è in difficoltà, così facendolo aiutiamo soprattutto  noi stessi.
E’ proprio vero “quello che fa bene agli altri fa bene anche agli affari”.
Il meraviglioso è vivere in armonia con chiunque ci circonda.
(Savino  Giacomo  Guarino)
 
 

BUON GIORNO

   



Auguro a tutti, uno splendido Lunedì 29 ottobre 2018.
Grazie per le Vs. visite. 

I Limiti della scienza umana – l’alfiere solidale.


Viviamo in un’epoca altamente tecnologica.
La scienza ha fatto passi da gigante,  tali da far pensare che sia quasi onnipotente. Un’onnipotenza tale da offuscare quella di Dio.
Diversi scienziati affermano pubblicamente di non credere in Dio, e si dilungano in dotte discussioni sull’origine della vita e sul fatto che la religione si basi su quanto l’uomo non ha ancora scoperto.
Ritengo che ognuno abbia diritto di pensarla come crede e di esporre tranquillamente le proprie convinzioni.
Voglio solo esporre alcune mie considerazioni, che non hanno pretesa alcuna di completezza.
Siamo nel 2018, siamo  all’inizio del III°Millennio, e tuttora numerose malattie sono incurabili: Alzheimer, Parkinson, maculopatie, retinopatie, malattie rare, ecc. In tantissimi casi, la scienza medica non solo non è in grado di curare ma nemmeno di conoscere l’origine delle patologie incurabili.
Siamo nel 2018 e tuttora siamo indifesi di fronte alle calamità  naturali.
A scanso  di equivoci credo che si debba incentivare la ricerca e l’innovazione tecnologica, l’importante è non dimenticare che innovazione, ricerca, ecc., sono limitate, hanno dei limiti.
L’uomo che conosce i suoi limiti è in grado di migliorarsi.
L’uomo che ritiene di non aver limiti, pensando di mettersi al posto di Dio, rischia di finire fuori strada.
La scristianizzazione della società, si fonda su pseudo valori, uno di questi è l’onnipotenza della scienza umana in grado di sostituirsi al Creatore.
Mi farebbe piacere sapere come la pensate, Voi che leggete questo post.
Ringrazio anticipatamente per eventuali commenti.
(Savino  Giacomo  Guarino)























domenica 28 ottobre 2018

Buona Domenica

 



Buona Domenica a:

1) Tutti coloro che visitano il Blog.

2) Tutti i Follower.

3) Tutti coloro che commentano.

Approfitto per scusarmi con Lorenzo, per aver involontariamente cancellato il Suo commento su Reddito di Cittadinanza. 
Lo riproponga e sarò lieto di pubblicarlo

Servizi locali con regole locali – l’alfiere solidale.


Quando si tratta di servizi locali anche le relative regole dovrebbero essere regole locali. Questo principio non è stato fatto proprio da alcuni economisti ed eurocrati di Bruxelles.
Questi signori infatti quando hanno deciso di stimolare il libero scambio di servizi all’interno della UE hanno creato problemi non risolti: L’esempio più eclatante è la “direttiva Bolkestein” che ha trovato una notevole opposizione.
La suddetta direttiva “direttiva Bolkestein”  voleva far competere i servizi locali all’interno del mercato europeo, o in altre parole far nascere un “mercato europeo dei servizi” - sulla scia del mercato delle merci con l’eliminazione dei dazi.
A ben guardare l’idea di parificare il mercato dei servizi al mercato delle merci, non potrebbe funzionare per un semplicissimo motivo: La maggior parte dei servizi (contrariamente alle merci) non viaggia!
Chi ha bisogno di un elettricista, consulta le pagine gialle per cercare il più vicino alla sua abitazione. Non stupisce che la  “direttiva Bolkestein” si sia impantanata.
I servizi locali in Europa non si possono liberalizzare mettendoli in concorrenza con quelli di altre paesi, ma favorendo la qualità del servizio a totale vantaggio dei consumatori.
(Savino  Giacomo Guarino)

La protezione dei più deboli – l’alfiere solidale.



La transizione da un’economia agricola ad un’economia industriale,  fece emergere un problema: difendere i più deboli dall’emergente capitalismo e dalle relative scelte economiche che riguardavano le maestranze delle industrie.
I lavoratori dell’industria, lavoratori che dopo dure lotte, grazie ai sindacati ottennero concessioni per un lavoro più umano e meglio remunerato.
Oltre ai lavoratori non dimentichiamo altre categorie da proteggere: Bambini, ragazze madri, diversamente abili, anziani non autosufficienti.
Tutte categorie di persone alle quali bisogna assicurare una qualità della vita dignitosa.
Ancora oggi in Europa ed in altre parti del mondo, milioni di persone debbono accontentarsi di sopravvivere, in condizioni non certo dignitose.
Assicurare a tutti una vita dignitosa, una sfida da affrontare e vincere.
(Savino  Giacomo Guarino)