martedì 27 febbraio 2018

Parole al vento

Riporto una lettera di una lettrice, pubblicata su Libero, del 6 agosto 2013, pagina 30; una lettera che trovo sempre attualissima. 
<<Parole  al vento.
“Pensavo a come sarebbe il mondo se ci limitassimo a parlare solo quando abbiamo qualcosa da dire. L’ovvio e la banalità se ne andrebbero a braccetto a girellare nei sentieri dell’inutile e forse, passando davanti al giardino dell’essenziale, non coglierebbero il profumo dei suoi fiori. Sparirebbero i sentenziatori, quelli che sanno sempre come tu ti devi comportare, ma non sempre applicano a se stessi le regole che sbandierano. Fiorirebbe trionfante, l’elegante fiore dell’autocontrollo e le tacite ninfee galleggerebbero beate nel placido fresco laghetto del silenzio. Ma in questo idilliaco spazio…io  che sono persona di parola (anzi di molte parole) non avrei accesso quindi, meglio essere tolleranti e benevoli o almeno proponiamoci di esserlo>>.

un felice martedì 27 febbraio 2018 - l'alfiere solidale


A  tutti  coloro  che visitano il Blog,  un felice martedì 27 febbraio 2018.
Grazie  per le Vostre  visite.

#TORINO: attraversamento pedonale corso Novara - via Leoncavallo - l'alfiere solidale

venerdì 23 febbraio 2018

non eccedere con le IMPOSTE - l'alfiere solidale

Proverbi  29, 4.
"Con la giustizia  un re consolida il paese, chi eccede nelle imposte lo conduce alla rovina.”
                                             ___________
 
Il libro dei Proverbi è uno dei libri che compongono la Bibbia.
Due righe, due sole righe,  per descrivere con estrema chiarezza quello che chi governa deve fare: Giustizia e un fisco sopportabile. 
La sintesi, la qualità principe che tutti dovremmo possedere, ma in particolare coloro che governano.  Due sfide, due riforme da attuare che attendono ancora di essere attuate: Giustizia e fisco.
Le parole, i proclami, gli annunci, non servono a nessuno, tanto meno al cittadino ed alle imprese che chiudono perché non ce la fanno più ad andare avanti.
E’ ora che si passi dalle parole ai fatti, concreti e tangibili.
(Savino  Giacomo  Guarino)

un radioso e felice Venerdì 23 Febbraio 2018 - l'alfiere solidale

A tutti coloro che visitano questo Blog, un radioso e felice Venerdì.
Grazie per le Vostre visite.

#TORINO - 2 attraversamenti pedonali via Padova \ Via Bologna -l'alfier...

mercoledì 7 febbraio 2018

il mercato delle #Illusioni l'alfiere solidale

sofferenza da Idea nuova - l'alfiere solidale

“Una fra le più grandi sofferenze per la natura umana è la sofferenza data da un’idea nuova”.

(W. Bagehot)
             ***********
E’ normale che ognuno di noi sia affezionato alle sue idee, soprattutto a quelle più radicate.
E’ normale che le idee nuove spesso ci spaventino, siamo umani con tutti i limiti connessi a questo stato.
Tuttavia a volte bisogna sforzarsi di valutare le idee nuove. Non dico accettarle ma valutarle.
(Savino Giacomo Guarino)

il linguaggio umano

"Il linguaggio umano appare come un fenomeno unico, privo di analogie pertinenti nel mondo animale".
(N.Chomskj)

l'atto creativo

“L’atto creativo stesso costituisce la salute psichica”.
(O. Rank)

Aumentare il sostegno alle Famiglie - l'alfiere solidale

 
I numeri, i freddi numeri certificano che il nostro Paese detiene l’ultimo post per quanto riguarda il sostegno alle famiglie: 22,3% nella media OCSE – 1,4 % del PIL in Italia. 
Sempre i dati certificano che dal 1983 al 2012, il numero di famiglie bisognose di aiuto si è attesta su una percentuale del 30%.
Senza un sostegno alle famiglie, come è possibile  incrementare le nascite?
Il calo delle nascite dipende prevalentemente dalla crisi e dagli scarsi aiuti alle Famiglie.  
In altri Paesi dove le Famiglie vengono molto aiutate, le nascite sono in aumento. 
(Savino  Giacomo  Guarino)

giovedì 1 febbraio 2018

un felicissimo Giovedì 1° Febbraio 2018 - l'alfiere solidale



Un  felicissimo  Giovedì  1°  Febbraio 2018 a tutti.
 

la #Performance #Economica della UE degli ultimi 20 anni.

la Sicurezza dei Cittadini una priorità - l'alfiere solidale


Guardando i telegiornali, mi  colpiscono alcune notizie:
- Gente presa a pugni per strada.
- L’automobilista che colpisce con una cipolla una passante.
- Accoltellamenti fuori da discoteche,…
- Scontri fra bande giovanili e prepotenze varie.
- Occupazioni abusive di alloggi.
La mia domanda come cittadino e contribuente, è la seguente:
Chi è responsabile dell’Ordine Pubblico?
Questo responsabile cosa pensa di fare per avviare a soluzione questo problema: La tutela del cittadino quando circola nella sua città?
E’ inammissibile che in un Paese come l’Italia accadano simili episodi di violenza.
Le Forze Dell’Ordine – alle quali va la mia solidarietà – si adoperano con impegno ed abnegazione – ma le risorse gliele deve fornire il sistema. 
Servono più risorse da destinare alle Forze dell’Ordine.
Chi ha la delega a governare, deve farsi carico del problema, e se non è in grado di farlo, si alzi dalla poltrona e permetta al cittadino di tornare a votare.
Per girare sicuri dovremo tutti dotarci di un doberman?
Per girare sicuri dovremmo tutti frequentare palestre di arti marziali?
Con la montagna di imposte, gabelle, accise, ecc. non è possibile aumentare le risorse destinate a Polizia e Carabinieri?
Nella tanta deprecata I° Repubblica, non mi pare accadessero simili vili e spregevoli atti di violenza contro i cittadini.
E’ ora che finisca questa situazione.
E’ diritto di tutti, poter circolare tranquillamente di notte e di giorno, soprattutto in considerazione della pressa fiscale che grava su ognuno di noi.
(Savino  Giacomo  Guarino)